Franco Capoglio, il magazine d’artista si rivela

RASSEGNA STAMPA:
IL MAGAZINE D’ARTISTA SI RIVELA.
IL MEDIUM RESTA SÉ STESSO, ANZI NO.
ITALIA, DICEMBRE 2019.

by Franco Capoglio

L’Arte si è sempre rivelata al mondo ancor prima che all’artista che, inconsapevole donatore di una genesi spesso sciamanica, finiva per essere il solo testimone di una rivoluzione epocale; abbiamo definito questa dinamica “ateismo prometeico” per circa un secolo.
Oggi finito il tempo delle avanguardie corali, della critica militante e insonne, finiti i rischi d’impresa del coraggioso gallerismo; il prodotto artistico dorme un tranquillo sonno letargico. Da un certo punto di vista è come osservare un infante addormentato che si succhia il dito ignaro della propria produzione fecale. A questo punto la destrutturazione dell’atto compiuto è uno dei punti di partenza possibili per una riflessione che scinda definitivamente concetti come contemporaneo ed accadente. Tra macerie eterogenee, e raffinate dissezioni possiamo dire che mai come oggi l’arte è stata tutta orizzontale; un unico piano autopico dove convivono e convergono differenti strumenti di analisi.

Tra questi AIMAGAZINEBOOKS ha sempre prediletto il libro d’artista, oggi ripensato come opera collettiva. Oltre la realtà vive il tempo che diviene il vero protagonista compiendo un’azione definitiva verso l’attitudine alla via del Sé. Nell’Era della tecnologia AIMagazinebOOks, attraverso l’unicità dell’Arte visiva, sceglie di dimenticare le sovrastrutture convenzionali e segna il passo verso le cose nuove, da Libro-oggetto sceglie l’Oggetto-Staffetta delle Cose dell’Universo, inserendo una vitalità profonda e onirica alla matrice materica che è il libro d’artista.
Il nuovo può essere simile, ma è sempre diverso.

SULLE RELAZIONI, LA MUSICA È DELL’UNIVERSO.

9 Dicembre 2019

Planes Drawing: Pilot 01 By Francesco Magnanelli

9 Dicembre 2019