Biography

Author Picture

Paolo Capizzi

Paolo Capizzi nasce a Roma di sabato di un giorno di festa nazionale: il 25 aprile 1964. Ed anche il giorno del suo onomastico è un giorno di festa per Roma, essendo il 29 giugno. Con queste premesse non poteva non piacergli la vita nelle sue espressioni più gioiose, facendo anche uso delle sue innata curiosità circa le novità e sul perché delle cose, associata alla sua qualità di fine osservatore . Diploma di maturità scientifica e poi insegue uno dei suoi sogni: diventare astronauta. E ci è andato vicino. Molto vicino! Si laurea in Fisica a gennaio 1991, con indirizzo astrofisica, e il relatore è Umberto Guidoni, prossimo astronauta italiano e la tesi è proprio sul progetto, tutto italiano, poi portato in orbita, Il tethered satellite system (TSS). E conosce l’equipaggio degli astronauti americani, venuti in quel di Frascati ad impratichirsi sul sistema. Poi in America vive il “dramma” della “sliding door”: prendere il phD al MIT di Boston e poi tentare di entrare alla NASA o iniziare la carriera di ufficiale dell’Aeronautica Militare nel Servizio Meteorologico? La prima opzione significava studiare ancora tanto e stare ancora a carico, almeno il primo anno, dei genitori (la quota annuale del MIT al primo anno, allora, 1991, era di 33.000 dollari/anno). E poi sarebbe stato un percorso probabile, non certo. Dall’altra parte, avevo una cosa sicura, certa, a seguito del concorso fatto quasi per caso e vinto. Scelgo questa seconda strada tenendo conto che la meteorologia era non un ripiego in quanto, dopo le stelle, ma la mia seconda passione….professionale ( e l’incontro con Bernacca è stato determinante!). Un mondo nuovo: mi appassiono a tutto: dall’attività operativa a quella più ampia di previsore. Gli viene data l’opportunità di fare esperienze uniche e indimenticabili, quale andare in antartide ed essere uno dei divulgatori delle previsioni nei vari media, tra cui la RAI. Scrive articoli su varie riviste e giornali e scrive pure un libro per incuriosire il lettore all’importanza della meteorologia nella vita quotidiana. Fa conferenze su argomenti meteorologici a vari livelli scolastici, dalle medie inferiori a quelle superiori, fino a livello di master, con lezioni di geopolitica legata ai cambiamenti climatici. Frequenta vari corsi professionali in ambito internazionale (Italia, Germania, Austria, Francia, UK); acquisisce altre competenze quali quelle di auditor e di addetto stampa. Frequenta corsi di lingua straniera (inglese) raggiungendo un elevato livello di conoscenza che gli permette di rappresentare l’Italia nei vari consessi internazionali (ECMWF, EUMETSAT, WMO…) diventando uno dei maggiori esperti in ambito nazionale sulla data policy, sempre in ambito meteo. Tutto da solo? No. Sposa a gennaio del 1998 una donna eccezionale che gli permette tutto ciò, Antonella dalla quale, nel 2004, ha una figlia meravigliosa, Maria Chiara. Ed è grazie a mia figlia che è nato questo libro.
Ah, ho praticato molto sport, adesso un po’ meno, però è rimasta intatta la voglia di viaggiare e conoscere posti e persone nuove che è anche un modo per elevare il proprio livello culturale. Last but not least, il cibo, che raccorda tutte le caratteristiche del piacere di vivere. Infatti è curiosità, fantasia, scoperta, cultura, aggregazione, novità, piacere; ma bisogna farne un uso intelligente, e non è facile.

Per il momento non abbiamo opere o pubblicazioni di questo autore nel nostro shop.